Untori, Dreyfus, Moro: letteratura e affaires tra Manzoni, Zola e Sciascia

Abstract: (Untori, Dreyfus, Moro: Literature and Affaires among Manzoni, Zola and Sciascia) The presentation aims to analyze the history of the infamous column of Alessandro Manzoni (begun in 1823 and passed - for twenty years - through various rewriting phases), L’affaire Dreyfus. La Vérité en marche by Émile Zola (1901) and L’affaire Moro by Leonardo Sciascia (1978) (but also by the Sicilian writer, Death of the Inquisitor and The Witch and the Captain), in order to compare texts born in different historical periods and cultural situations, which however have, in common, a very clear idea of the role of the writer and of literature in society. These texts allow us to trace a canon of civil writing: and it is a canon that concerns exactly the function of writing, the reactions of the intellectual in the face of injustice (all three volumes move on the justice-injustice axis), the themes that are treated and also the stylistic and linguistic choices.

Keywords: Manzoni, Zola, Sciascia, literature, civil writing

Riassunto: L’intervento si propone di analizzare la Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni (iniziata nel 1823 e passata – per un ventennio – attraverso varie fasi di riscrittura), L’affaire Dreyfus. La Vérité en marche di Émile Zola (1901) e L’affaire Moro di Leonardo Sciascia (1978) (ma anche, dello scrittore siciliano, Morte dell’inquisitore e La strega e il capitano), al fine di confrontare testi nati in periodi storici e situazioni culturali diverse, che hanno però, in comune, una idea ben precisa del ruolo dello scrittore e della letteratura nella società. Questi testi permettono di tracciare un canone della scrittura civile: ed è un canone che riguarda la funzione stessa della scrittura, le reazioni dell’intellettuale di fronte alle ingiustizie (sull’asse giustizia-ingiustizia si muovono tutti e tre i volumi), le tematiche trattate ed anche le scelte stilistiche e linguistiche.

Parole-chiave: Manzoni, Zola, Sciascia, letteratura, scrittura civile